Oggetto messo in vendita da:
Antichità Castelbarco
Riva del Garda -  TN (Trento)
Telefono/Cellulare: +39 0464 973235 - +39 349 4296409    WWW.ANTICHITACASTELBARCO.IT

Scheda articolo 236947
Autore : Bartolomeo Nazari (Bergamo 1693 - Milano 1758)
Ritratto di gentiluomo veneziano con lettera, Bartolomeo Nazari (Bergamo 1693 - Milano 1758) 
Epoca : Settecento
Bartolomeo Nazari (Bergamo 1693 - Milano 1758), attribuito a
Ritratto di gentiluomo con lettera
 
Olio su tela, cm 103 x 76
Incorniciato 116 x 89
 
Questo bel ritratto raffigura un gentiluomo riccamente abbigliato, dal portamento austero, mostrando una lettera con la mano destra. L’effigiato indossa un elegante abito da ricevimento, di cui si possono apprezzare i pizzi ed il ricamo a broccato del corpetto, dipinto con accuratezza e resa straordinaria. Da notare il virtuosismo con cui l'artista ha inoltre studiato le ombreggiature del viso e il movimento delle mani, sapientemente dipinte.
 
L’opera, che si inserisce perfettamente nella ritrattistica veneziana del Settecento, suggerisce per i caratteri di stile la pertinente attribuzione a Bartolomeo Nazari (Bergamo 1693 - Milano 1758), le cui opere furono assai lodate e gli valsero una grande reputazione di ritrattista per l’esigente patriziato lagunare del pieno Settecento.
 
Gli elementi che accomunano le sue opere riguardano l’impostazione degli effigiati, la qualità del colore, ricco di sfumature e la volontà del pittore di rendere con grande realismo le fisionomie e le caratteristiche psicologiche dei personaggi rappresentati.
 
Bartolomeo Nazari frequentò la bottega di Angelo Trevisani e conobbe la pittura di Sebastiano Bombelli, Antonio Pellegrini e Jacopo Amigoni. Si dedicò alla realizzazione di ritratti, immortalando le autorità politiche e dell’alta aristocrazia, nonché alcuni pittori e protagonisti del mondo della musica. Nazari con il tempo riscosse un grande successo, tanto che nel 1744 venne chiamato dall’imperatore Carlo VII a Francoforte. Negli anni successivi l’artista si dedicò alla realizzazione di ‘teste di carattere’ e nel 1757 partì per Genova per soddisfare le richieste del nuovo doge Giovanni Giacomo Grimaldi.
 
Expertise di autenticità (FIMA-CINOA).
 
Per qualsiasi ulteriore informazioni siete invitati a contattarci liberamente.
Spedizione professionale ed assicurata, eseguita sotto la nostra supervisione.
 
Provincia di visione : TN (Trento)
Restauri: Eccellenti condizioni di conservazione