Oggetto messo in vendita da:
Ars Antiqua SRL
Milano -  MI (Milano)
Telefono/Cellulare: +39 02 29529057 -     www.arsantiquasrl.com

Scheda articolo 167162
San Giovanni Evangelista Legno policromo e dorato, alt cm 91  
Epoca : Cinquecento

 

XVI secolo
San Giovanni Evangelista
Legno policromo e dorato, alt cm 91

La scultura policroma qui analizzata evidenzia la tipologia del San Giovanni Evangelista come apostolo: giovane, aggraziato, quasi femmineo, sbarbato, dai lunghi capelli a boccoli. L’altra versione del figlio di Zebedeo è quella dell’Evangelista, autore del quarto vangelo e dell’Apocalisse: qui appare al contrario come un anziano dalla barba grigia. Considerato il discepolo prediletto, assistette ad alcuni dei momenti più importanti della vita di Cristo: fu protagonista della pesca miracolosa e della moltiplicazione dei pani, ma soprattutto fu presente, insieme a Pietro, e a Giacomo, alla trasfigurazione sul monte Tabor e all'agonia di Gesù nel giardino del Getsemani. Nella mano sinistra il santo reca un calice, riferimento ad uno specifico avvenimento della sua vita. La leggenda, raramente rappresentata nelle scene narrative, risulta particolarmente importante nel racconto agiografico in quanto spiega la presenza di questo attributo iconografico precipuo del santo evangelista. Il sacerdote del tempio di Diana ad Efeso diede a Giovanni la coppa avelanata, per mettere alla prova la sua fede. Due condannati a morte vi avevano già bevuto ed erano morti; Giovanni, non soltanto rimase del tutto indenne, ma resuscitò i due uomini. A partire dal Medioevo questo tema assunse un significato simbolico: il calice rappresentava la Chiesa, il veleno Satana. iconografia derivante da una fonte apocrifa: fu costretto a bere un veleno per non aver sacrificato agli dei, benedisse il calice da cui uscì un serpente. La posa del corpo del santo, lievemente reclinata di lato, e la mano destra benedicente il calice sorretto nella sinistra, donano alla scultura movimento e plasticità, conferendo alla scultura una particolare immediatezza ed un tono pacatamente comunicativo.
 

 
Provincia di visione : MI (Milano)