Cod: 325503
Natura Morta Floreale Anna Caterina Gilli
No entry : Anna Caterina Gilli
No entry: Prima metà del Settecento
prezzo: € 4.500
Restauri: Ottimo stato di conservazione

Esaminando con interesse questa movimentata “Natura morta” (dipinto a olio su tela ovale, cm 60 x 80 senza cornice e 78 x 88 cm con cornice), ambientata all’aria aperta in un parco con in primo piano a sinistra una piccola fontana e pini sullo sfondo. La dinamica inventiva è incentrata su vari gruppi floreali, di cui il principale sparso a terra insieme a un piatto di maiolica ai piedi di un piccolo basamento squadrato con sopra altri fiori, mentre a destra un vaso panciuto è su un pilastro di originale forma, da cui scende un girale floreale che si ricongiunge in basso ad altri fiori. La scena ha un brillante tessuto cromatico con una prevalenza dell’azzurro e una limpida luminosità che costituisce il suo elemento di coesione.

L’impronta stilistica e tipologica nonché pittorica, unitamente al suo gusto espositivo in linea con una piena adesione alla rocaille francese – si avverte una diretta considerazione del Monnoyer e del suo diretto seguito – permettono di stabilire una collocazione di questa piacevole e raffinata “Natura morta” nell’ambito piemontese della prima metà del Settecento, e d’individuare di conseguenza la sua autrice in Anna Caterina Gili (Torino, notizie dal 1729 al 1751). Una specialista del settore che agì in parallelo al più noto Michele Rapous, ma che meriterebbe di essere rimessa in luce, stante una sua sicura rilevante attività, considerando le qualificate sue esecuzioni per la corte sabauda, che attestano una personalità più ramificata del collega, e dal cui riscontro si può appunto risalire alla sua mano per la raffinata “Natura morta” qui presa in considerazione.

Le sue opere note rimasteci sono le tre “Decorazioni a fiori” nell’Andito dell’Oratorio, nella Camera dei Nuovi Archivi e nel Gabinetto da Toletta della Regina al I piano del Palazzo Reale di Torino, che furono presentate alla grandiosa Mostra del Barocco Piemontese del 1963 (cat. Pittura, Scultura, Arazzi, pag. 118, tavv. 309-401), con una qualificante scheda di A. Griseri che ne ricorda anche le “decorazioni” di Stupinigi e altre in Palazzo Solaro del Borgo, ora Accademia Filarmonica, sottolineando le doti della pittrice “per un gusto che introduce elementi di cultura romana con risultati di mestiere informati a grande abilità, per un’attenzione esercitatesi sugli esemplari fiamminghi presenti alla corte”. Quattro sue rilevanti “sopraporte” quadrate entro boiseries sono nell’anticamera dell’appartamento detto del re della Palazzina di Stupinigi, con “Fiori e frutta su sfondi con architetture, statuette e fontanili”. Sue soprapporte dovrebbero essere anche nell’ex reale Castello di Moncalieri.

La presente “Natura morta”, qui presa in esame, costituisce una significativa testimonianza delle doti di questa piacevole pittrice torinese, la quale poté soddisfare con naturale spontaneità i fini arredativi e il gusto della aristocrazia minore ruotante intorno a quella della corte, fruendo del clima cosmopolita instauratosi nella capitale sabauda, grazie alla moderna regia esercitata dallo Juvarra che, chiamato a Torino da Vittorio Amedeo II vi operò sino al 1735, quando fu chiamato alla corte di Madrid, non solo come architetto – cambiò il volto della città –ma anche come imprenditore chiamando diversi maestri emergenti di tutte le scuole pittoriche italiane. Di tali immissioni dovette senza meno fruire proficuamente pure la Gili, mantenendo sempre un’angolazione stilistica di base gravitante sulla pittura francese contemporanea, con un particolare attenzione per il Monnoyer e il suo seguito, come sopra già accennato.

I dipinti e gli oggetti d'arte qui pubblicati sono di mia esclusiva proprietà e di conseguenza sono sempre disponibili ad essere visionati di persona, previo appuntamento, nelle mie sedi espositive situate a Sanremo e Brescia.

L'opera, come ogni nostro oggetto, viene venduta corredata da un certificato fotografico FIMA di autenticità e lecita provenienza; questo documento identifica l'oggetto apportando un valore aggiunto all'articolo.

Ci occupiamo ed organizziamo personalmente l'imballaggio e la spedizione delle opere d'arte con assicurazione in tutto il mondo.

Dr. Riccardo Moneghini

Storico dell'Arte

Powered by Anticoantico
Anticoantico srl unipersonale P.Iva 02264621208 REA BO-425315 Capitale sociale 50.000€ interamente versato
Disclaimer | Privacy Policy