Cod: 31487
Il ratto di Dejanira
Autore : GASPARE DIZIANI
Epoca: Seconda metà del Settecento

GASPARE DIZIANI
(Belluno, 1689 - Venezia, 1767)

Il ratto di Dejanira

Olio su tela, cm.55,5 x 67,5
 
La tela é connotata da una freschezza e rapidità di tocco, dalla pennellata materica, da un’estrema facilità nella stesura del colore corposo: é fuor di dubbio che si tratti di un modelletto per una composizione di più ampio respiro; un dettaglio estremamente interessante é costituito dal cielo, ove affiora, in corrispondenza delle nubi, il colore steso come preparazione: un intenso rialzo cromatico caldo spezza l’azzurro del cielo.
Per quanto concerne l’iconografia, l’opera é caratterizzata, oltreché dalle figure del Centauro Nesso, di Deianira e di Ercole, da un Amorino volteggiante, a sottolineare il carattere erotico della scena, e dalla divinità fluviale posta in primo piano, di evidente ascendenza tiepolesca; la composizione é affatto simile al Ratto di Deianira, autografo di Gaspare Diziani conservato presso il Musée d’Art et d’Histoire di Ginevra: il nostro bozzetto però, dà maggior risalto alla figura di Ercole e la tela ginevrina, per l’estrema finitezza degli incarnati e del paesaggio, non rappresenta un modelletto ma un’opera definitiva.
La maturità espressiva che connota la tela fa supporre una datazione intorno al 1750.

 

 

Gaspare Diziani

Powered by Anticoantico
Anticoantico srl unipersonale P.Iva 02264621208 REA BO-425315 Capitale sociale 50.000€ interamente versato
Disclaimer | Privacy Policy