Cod: 309331
Ritratto di Cia Fornaroli, San Remo, 12 febbraio 1933
Autore : ANSELMO BUCCI
Epoca: Anni 30

ANSELMO BUCCI
(Fossombrone, 1887 - Monza, 1955)

Ritratto di Cia Fornaroli Toscanini, San Remo, 12 febbraio 1933


Acquarello e grafite su carta, cm 31,5x25,5

 

In basso a sinistra autografo di Cia Fornaroli

 

Bibliografia:
Anselmo Bucci. Guaches, disegni, appunti e commenti. Gli album personali - Volume terzo. Genova 1931/33. San Remo., a cura di Guido Cribiori, Studiolo, 2019, p.137

 

Cia (Lucia) Fornaroli fu una celebre prima ballerina, attrice e coreografa.

Il suo esordio negli Stati Uniti avvenne nella stagione 1910-1911, quando si trasferì a New York per esibirsi come prima ballerina al Metropolitan Opera House, dove restò fino al 1914.
Alla fine della prima guerra mondiale, nel 1918, fece ritorno in Italia, dove nel frattempo, grazie anche all'intervento di Arturo Toscanini, la Scala aveva riaperto, per partecipare all'anteprima della commedia mimo-sinfonica in un preambolo e un atto Il carillon magico di Riccardo Pick-Mangiagalli, sotto la direzione di Tullio Serafin. La sua interpretazione del ruolo di Pierrot fu molto applaudita, tanto che l'anno dopo lo spettacolo fu riproposto al Teatro Costanzi di Roma, questa volta con la Fornaroli nel ruolo di Colombina.
Nel 1916 la Fornaroli si trasferì a Roma, sia pure in modo discontinuo, per partecipare ad alcuni film come attrice.
Nel 1922 fece ritorno alla Scala per la stagione 1922-1923 sia come ballerina che come coreografa.
Sposò Walter Toscanini, primogenito di Arturo Toscanini.

 

 

Cia Fornaroli
L’opera è inclusa nel secondo volume di una serie dedicata al Maestro di Fossombrone.
Si tratta della riproposizione integrale dei suoi album privati.

"Anselmo Bucci. Guaches, disegni, appunti e commenti. Gli album personali - Volume terzo. Genova 1931/33. San Remo.” a cura di Guido Cribiori
Stampato in 100 copie numerate
232 pag a colori, formato cm 28,5x23

Il progetto si propone di tutelare il lavoro dell’artista e al contempo rendere pubblici, fruibili ed acquistabili dal pubblico splendidi disegni che Bucci realizzò nel corso degli anni Venti e Trenta durante i suoi viaggi in Italia, Europa, Medio Oriente e Oriente.
Nel secondo volume è documentata la visita di Bucci alla Biennale di Venezia del 1932 e il successivo rientro a Milano, da cui è tratta questa bellissima opera.

Le opere, incorniciate, vengono proposte accompagnate dalla riproduzione integrale volume che le contiene e ne documenta meravigliosamente la genesi del momento creativo del Maestro.

 

 

Visitate il sito

WWW.STUDIOLO.IT

Powered by Anticoantico
Anticoantico srl unipersonale P.Iva 02264621208 REA BO-425315 Capitale sociale 50.000€ interamente versato
Disclaimer | Privacy Policy