Cod: 235252
Jan van de Welde II il Giovane "Marina"
Autore : van de Velde II Il Giovane
Epoca: Seicento
prezzo: € 95.000
Restauri: eseguito restauro e pulizia

Jan van de Velde II, o Veldius (Delft o Rotterdam1593 – Enkhuizen24 ottobre 1641 (sepolto il 4 novembre)), è stato un incisorepittoredisegnatore ed editore olandese del secolo d'oro. A questo dipinto olio su tavola certificato dal Prof.Giancarlo Sestrieri e stata eseguita l'analisi al carbonio per la datazione del legno e del dipinto 1638-1640.

Questa "Marina" (dipinto a olio su tavola, cm 62 x B4), con al centro due navi amniraglie battenti bandiera olandese, circondate da numerose altre imbarcazioni minori, con sulla sinistra una piccola barca a un albero e sullo sfondo il profilo di un molo con due torrioni tondi sullo sfondo di una costa montagnosa, è da assegnare alla mano di Willem van de Velde il Giovane (Leida 1633 Londra 1707), rientrando in quella sua produzione destinata alla clientela privata, alla quale egli attese sicuramente, in altemativa alla sua più nota produzione ufficiale, svolta principalmente a Londra al servizio prima del re Carlo II e poi, dopo un breve rientro in Olanda, del re Giacomo II. Infatti anche se la sua attività più nota fu prevalentemente esplicata nella rappresentazione di battaglie navali storiche o eventi pubblici attinenti alla navigazione, data la vasta fama che egli godette a Londra e in generale in Inghilterra, quale specialista e caposcuola del settore, egli non si limitò certo ad esplicare tali committenze uIficiali. Figlio maggiore ed allievo del padre Willem il Vecchio, col quale iniziò presto una sua attività sulle orme pateme, lavorò brevemente a.nche con Simon de Vileger nel 1652. Nel 1672 seguì il padre in Inghilterra, ottenendo due anni piir tardi una pensione e divenendo nel 1677 pittore del re Carlo II. La diceria che egli dipingesse da disegni del padre risulta smentita dalla sua indubbia alta valenza di disegnatore, attestata da una sua vasta produzione pure in tale campo. In effetti il Van de Velde il Giovane fu artista molto prolifico, tanto sulla carta quanto sulle tele, nonché sulle tavole, supporto ch'egli impiegò non di rado. La sua opera, insieme a quella del padre, è stata oggetto di un'accurata opera monografica da pafie di M. S. Robinson (Van de Velde. A Catalogue of the Paintings of the Elder and the younger Willem van de Velde, Greenwich 1990) che però non è da considerarsi esaustiva della fittissima attività svolta da questi due caposcuola delle "marine" nel XVII secolo. Sue opere sono conservate in quasi tutti i maggiori musei europei, ma anche nelle aste internazionali sono stati venduti suoi dipinli sin dall'Ottocento e per tutto il Novecento. .
I

Powered by Anticoantico
Anticoantico srl unipersonale P.Iva 02264621208 REA BO-425315 Capitale sociale 50.000€ interamente versato
Disclaimer | Privacy Policy