Cod: 240791
Madonna con Bambino di inizio Seicento, da un prototipo iconografico di Anton van Dyck (Anversa 1599 - Londra 1641)
Autore : Scuola italiana primi '600 (da Anton van Dyck)
Epoca: Seicento
prezzo: € 9.500
Una superba MADONNA CON BAMBINO
Opera di un talentuoso pittore italiano di inizio '600, ispiratosi al prototipo iconografico elaborato da Anton van Dyck  (Anversa 1599 - Londra 1641)
 
Olio su tela, Misure tela, 93 x 70 cm., incorniciato, 108 x 85 cm.
Provenienza: collezione privata, Milano
 
 
Questa superba ‘’Vergine con Infante’’ si caratterizza da un impianto stautario di grande impatto e plasmata da un gioco luci ed ombre perfettamente studiato, che ne enfatizza la superba figura.
 
La tela, proveniente da una collezione privata milanese con un riferimento generico alla scuola emiliana del Reni, si accosterebbe invero alla serie di Madonne con Bambino eseguite dal giovane Antonio Van Dyck durante il suo soggiorno in Italia (1621- 1627).
 
Tra sue fonti di ispirazioni italiane va menzionato primo tra tutti il classicismo emiliano di Guido Reni: nei suoi prototipi Van Dyck volge lo sguardo di Maria verso il cielo, in un’attitudine che risente di modi della rappresentazione della Mater Dolorosa e nei Compianti divulgati dal Reni. Le sue opere sono state certamente grande spunto di ispirazione per il maestro di Anversa, del quale ammirava, oltre all'estro creativo dei soggetti, le doti tecniche.
 
Alla contemplazione estatica della Vergine come atto d'obbedenza dalla volontà divina, si contrappone lo sguardo fisso e sereno del Fanciullo che, distogliendo il proprio sguardo da quello della Madre sembra ignaro del destino riservatogli. 
Evidente è l’alto livello qualitativo della composizione, che si distingue per la perfetta fusione tra eleganza e forza descrittiva; i caratteri stilistici e compositivi sono fedeli ai suoi dettami pittorici, ma con uno stile assolutamente personale, senza replicarne pedissequamente i modelli più noti.
 
L’autore del nostro dipinto ha conferito alla Madonna ed al Bambino, in piedi, un carattere marcatamente scultoreo, adducendo come fonte d'ispirazione il Rinascimento italiano, in particolare veneziano, con evidenti riferimenti alle figure belliniane.
 
Particolare importanza è conferita alla finezza della pennellata, nel luminoso gioco cromatico, nella sontuosità dei panneggi, sapientemente definiti dalla luce. I due corpi sono immersi in una luce intensa, metafisica, che illumina la pelle di alabastro e le pieghe dei panneggi, esaltati grazie allo sfondo scuro monocromo.
 
Il dipinto si presenta in buone condizioni conservative.
Il dipinto, come ogni nostro oggetto, viene venduto corredato di certificato di autenticità fotografico a norma di legge (FIMA - CINOA).
Per maggiori informazioni vi preghiamo di contattarci: siamo a vostra completa disposizione per qualsiasi informazione.
Powered by Anticoantico
Anticoantico srl unipersonale P.Iva 02264621208 REA BO-425315 Capitale sociale 50.000€ interamente versato
Disclaimer | Privacy Policy