Cod: 211334
Coppia di dipinti firmati 'Ritratti di nobili francesi'
Autore : Charles-Amédée Philippe Van Loo (1719 -1795)
Epoca: Settecento
prezzo: € 18.500

Charles-Amédée Philippe Van Loo (Torino 1719 - Parigi 1795)

firma ‘A Vanlo pinxit 1760’

Coppia di Dipinti - Ritratto di nobildonna francese/ Ritratto di nobiluomo francese

Periodo Luigi XV - datati 1760

Olio su tela, 68 x 65 cm./con cornice, 90 x 78 cm.

Tutti i dettagli delle opere su: www.antichitacastelbarco.it

Questo qualitativo pendant di dipinti, eseguiti ad olio su tela, ci presenta una delle coppia di nobili francesi che probabilmente popolavano la ricca corte di Versailles durante il regno di Luigi XV; sono opere firmate dal celebre Charles-Amédée Philippe van Loo (Torino 1719 - Parigi 1795), ritrattista tra i più significativi del suo tempo, per questo richiesto dalle più blasonate corti europee.

La donna, dal portamento regale, è ritratta con un abito lussuoso in seta color carta da zucchero con un ampio décolleté ed ampi polsini a jabote, impreziosito da pizzi e perle. Il lungo collo è fasciato da una collana di pizzo sottile e piccole perle, mentre i capelli raccolti in una pettinatura che evidenzia i tratti del viso, sono adornati da una decorazione floreale. La donna si appoggia con il gomito sinistro su un piano in marmo di un mobile, che enfatizza la sua posa nobiliare, mentre fissa intensamente lo spettatore.

La seconda opera mostra l'affascinante ritratto di un nobiluomo, abbigliato secondo la più tradizionale moda 'alla francese' del Settecento, con una giacca in velluto color corallo, impreziosita da decori e bottoni in oro, che copre un gilet sempre rifinito con preziosi decori dorati ed una camicia bianca con pizzo. L’opera, riprendendo la formula tradizionale per i ritratti dei membri dell'aristocrazia, mostra l’effigiato a mezza figura, leggermente rivolto verso destra e con lo sguardo diretto allo spettatore. Al suo fianco è raffigurato anche un piccolo Cocker Spaniel bianco e nero, mentre con un gesto affettuoso sembra voler afferragli la zampa.

Charles-Amédée-Philippe van Loo (1719 – 1795). Naque a Torino, nel periodo in cui il padre Jean-Baptiste van Loo era occupato a ritrarre Carlo Emanuele II di Savoia e altri membri della corte sabauda; La sua infanzia nonché formazione artistica si svolse tra la Francia, principalmente a Parigi nella bottega paterna, e l’Italia. Nel Belpaese soggiornò sia a Torino che e a Roma, dove nel 1738 vinse il Prix de Rome, recandosi quindi ad Aix-en-Provence, prima di tornare definitivamente a Parigi nel 1745. Venne invitato a divenire membro dell'Académie royale de peinture et de sculpture nel 1747, e quello stesso anno sposò la cugina Marie-Marguerite Lebrun, figlia del celebre pittore Michel Lebrun (morto nel 1753). Tra le sue opere, di rilievo si ricorda il ritratto della Zarina Elisabetta di Russia. Fu il maestro del pittore Jean-Baptiste Deshays. Tra gli altri suoi fratelli, anche François (1708–1732) e Louis-Michel (1707–1771) furono pittori.

STATO DI CONSERVAZIONE: Le opere sono presentate in uno stato di conservazione eccellente. Completate da magnifiche cornici in legno dorato (piccoli segni del tempo).

Le opere sono corredate da un certificato di autenticità a norma di legge.

Per qualsiasi informazione aggiuntiva, siete invitati a contattarci.

Powered by Anticoantico
Anticoantico srl unipersonale P.Iva 02264621208 REA BO-425315 Capitale sociale 50.000€ interamente versato
Disclaimer | Privacy Policy