Cod: 195691
Scena animata raffigurante la Vendemmia, Pieter van Bloemen, detto lo Stendardo (Anversa 1657 – 1720)
Autore : Pieter Van Bloemen, detto lo Stendardo (Anversa 1657 - 1720)
Epoca: Seicento
prezzo: € 9.400
Pieter van Bloemen, detto lo Stendardo (Anversa 1657 – 1720)
La Vendemmia
 
olio su tela, 72 x 100 cm.
con cornice 89 x 118 cm.
 
La tela mostra un affascinante teatro che vede protagonista il momento della vendemmia, con le varie scene che ruotano intorno alle fasi della produzione del vino. Si parte dalla raccolta dei grappoli d'uva dai vitigni sullo sfondo, al loro trasporto nelle ceste caricate a cavallo, fino alla pigiatura, tradizionalmente fatta con i piedi, ed infine all’invecchiamento nelle botti. La tela appare quindi come un documentario iconografico di questo antico rituale.
Si passa infine al fulcro della composizione, dove una coppia di nobili ben vestiti, probabilmente i proprietari dei vigneti, si mostrano interessati al raccolto: la donna prende un chicco d'uva da una vecchia, mentre il marito si rivolge a un enologo che presenta un cesto di uva sul terreno. 
L'originale tema proposto, rientra nella tipica produzione di Pieter van Bloemen, originario di una famiglia di pittori e disegnatori fiamminghi, ma attivo per gran parte della sua vita in Italia, a Roma, alla fine del Seicento.
Nato ad Anversa nel 1657 ed ivi morto nel 1720, Pieter fu fratello maggiore di Jan Frans van Bloemen detto Orizzonte (Anversa 1662 - Roma 1749), destinato a diventare nella città dei papi un famoso paesaggista di gusto classicheggiante.
Specializzato nel dipingere scene rurali, casali campestri e fiere di animali sulla scia del Wouwerman, i dipinti di Pieter van Bloemen incontrarono il favore di un gran numero di collezionisti ed entrarono a far parte di varie importanti quadrerie romane, come la Galleria Pallavicini, la Pinacoteca Vaticana, l'Accademia di San Luca.
Tipici del suo repertorio sono i due cavalli, e la loro posizione, immancabili nelle sue tele. Anche alcuni personaggi, ad esempio la vecchia chinata che consola il bambino oppure le figure dei due nobili, sono una peculiarità delle sue pitture, così come l’attenzione alla resa dei particolari (vedi nei dettagli alcuni suoi disegni preparatori).
Interessante notare infine la presenza del cavallo bianco, che figura anche in questa composizione, e costituisce una sorta di motivo-firma della sua produzione.
 
STATO DI CONSERVAZIONE: La tela si trova in ottimo stato di conservazione (eseguita una pulizia conservativa e rintelo).
 
Certificato di autenticità fotografico a norma di legge (FIMA - CINOA)
 
Ci occupiamo ed organizziamo il trasporto delle opere acquistate, sia per l'Italia che per l'estero, attraverso vettori professionali ed assicurati. Per info http://antichitacastelbarco.it/spedizioni.html
Powered by Anticoantico
Anticoantico srl unipersonale P.Iva 02264621208 REA BO-425315 Capitale sociale 50.000€ interamente versato
Disclaimer | Privacy Policy