Home page

ANSELMO BUCCI
ANSELMO BUCCI (Fossombrone, 1887 - Monza, 1955) - Pavia, Vecchio ponte, Rovine, 2 luglio 1945

back

Vai alla scheda
ANSELMO BUCCI

ANSELMO BUCCI

(Fossombrone, 1887 - Monza, 1955)

 

Pavia, Vecchio ponte, Rovine, 2 luglio 1945

Olio su tavola, cm 13x21

Firmato e datato in basso a destra “BUCCI/2 luglio 1945”
“Pavia. Vecchi Ponte. Rovine”
Sul verso firma, titolo e data autografi

Provenienza: collezione Marco Fossati (Eredi Bucci)

Pavia, un’ombra in lontananza, un ricordo tracciato da un elettrocardiogramma pulsante.
Pavese nello stesso giorno scrisse, come Edipo davanti al suo fato: “Il sesso, l’alcool, il sangue. I tre momenti dionisiaci della vita umana: non si sfugge, o l’uno o l’altro” (C. PAVESE, Il mestiere di vivere, ed. cit., 2/7/1945, p. 301).
Bucci placa la sua anima in questi momenti di religiosità interiore, dove pare contemplare il paesaggio e la natura nella sua divina e armoniosa pace.
I piani sono esposti con semplice maestria e la resa risulta perfetta.
 

 

1887 . Anselmo Bucci nasce a Fossombrone il 25 maggio. Compie gli studi liceali a Venezia e inizia a dedicarsi alla pittura. Il fratello maggiore Giovanni, scrittore, intuisce subito il suo talento artistico e lo appoggia materialmente e spiritualmente nei momenti meno felici.
1906 . parte per Parigi.
1907 . 1914 . espone ripetutamente a Parigi al Salon d’Autunne,  al Salon des Indépendans e al Salon des Français, dove nel 1910 ottiene una menzione onorevole.
1914 . rientra in Italia, dopo avere viaggiato in tutta Europa e nel nord Africa, arruolandosi nel Battaglione Lobardo Volontari Ciclisti, con i quali partecipa alla grande Guerra combattendo sul Piave.
1915 . 1954 .  è presente costantemente alle esposizioni del Palazzo della Permanente di Milano
1920 . 1922 . 1924 . 1926 . 1928 . 1930 . 1932 . 1934 . 1936 . 1938 . 1940 . 1942 . 1948 . 1950 . 1954. quindici inviti ad esporre alla Esposizione Internazionale d’Arte città di Venezia.
1926 . 1929 . I e II Mostra del Novecento Italiano.
1935 . 1939 . 1943 . 1951. è invitato ad esporre alla Quadriennale di Roma.
1943 . i bombardamenti inglesi su Milano distruggono il suo studio e si trasferisce a Monza, nella casa paterna
1955 . muore a Monza il 19 novembre.
1956 . la XXVIII Biennale di Venezia gli dedica una importante mostra commemorativa