Home page

Atelier di Hyacinthe RIGAUD
ORDINE DI SANTO SPIRITO - IL DELFINO DI FRANCIA

back

Vai alla scheda
Atelier di Hyacinthe RIGAUD

Splendido ed emozionante ritratto di Luigi di Francia detto il Delfino, presentato a tre quarti, in armatura e con la mano destra sull'elmo.
Una lunga fascia in seta bleu attornia l'armatura e denota l'appartenenza del Duca al cavalierato dell'Ordine di Santo Spirito.
Risalta il viso incipriato e lo sguardo verso lo spettatore, mentre una lunga parrucca folta, a boccoli, ricala sulle spalle.
Il tutto inquadrato da una spettacolare cornice a margherita Luigi XIV ornata di fiori, in legno intagliato e dorato a foglia oro 24Kt.
Siamo di Fronte al delfino di Francia, la sua giovinezza sarà eterna.
Il ritratto è stato acquisito all'interno di una successione di eredità a Parigi, proveniente dalla nobile famiglia Boirret.
 
Olio su tela
XVIII secolo, verso il 1740
Atelier di Hyacinthe RIGAUD
Misure : Alt. 99 cm X Larghezza 85 cm
( H.38.97 inc X 33.46 inc )
Restauro tela eseguito dal Centro del restauro, Palazzo Rosselli del Turco - Firenze
 
Luigi di Francia 1682 -1712
Giovane principe arrogante, fin troppo cosciente del proprio rango, che non aveva rispetto per nessuno, il duca di Borgogna divenne, grazie agli sforzi del suo tutore, Fénelon  futuro arcivescovo di Cambrai, un uomo di grande cultura e devozione.
L'Ordine di Santo Spirito
L’Ordre du Saint-Esprit (Ordine dello Spirito Santo) fu nei due secoli e mezzo della sua esistenza, il più prestigioso ordine cavalleresco della monarchia francese, e uno dei più importanti d'Europa.
Il 31 dicembre 1578, in piena guerra di religione, Enrico III fondò l' Ordre du Saint-Esprit, il cui scopo era di proteggere il Re di Francia, in quanto persona sacra.
Il monarca scelse il nome di Spirito Santo per quest'Ordine, in riferimento alla sua propria nascita, alla sua incoronazione sul trono di Polonia, e in seguito su quello di Francia, tre avvenimenti accaduti il giorno della Pentecoste.
Benché quest'Ordine fosse inizialmente riservato ai più alti dignitari del regno, il re Enrico IV permise ad un numero ristretto di monarchi e di grandi signori stranieri di confessione cattolica, d'entrarvi. Un tributo specifico chiamato marco d'oro fu stabilito per provvedere ai bisogni dell'Ordine, la cui sede si trovava presso il convento dei Grands Augustins a Parigi. Il suo motto era: Duce et Auspice.
Soppresso nel 1791 durante la Rivoluzione francese, l' Ordre du Saint-Esprit fu ripristinato nel 1814 dal re Luigi XVIII e definitivamente abolito da Luigi Filippo I nel 1830.
In seguito divenne un ordine dinastico e fu conferito a diversi pretendenti al trono di Francia.
Sarà rilasciato regolare certificato comprovante l'autenticità dell'opera, con descrizione e provenienza del bene in oggetto.

Sergio Schina
Antiquario a Firenze